Martedì, 18 Aprile 2017 16:13

Twin Peaks rivive nei magici Sassi

Vota questo articolo
(0 Voti)

Mi piace usare una metafora, La Lucana Film Commission e la sua attività come ad un mosaico bizantino, quei capolavori di arte, artigianato, tecnica e colore che sono costruiti tassello dopo tassello, colore dopo colore sino a raggiungere il risultato. I primi tasselli sono stai messi ed il mosaico si sta delineando: bandi, promozione, film internazionali e nazionali girati, la Basilicata che attira. Se ne parla da settimane, e se ne continua a parlare “Sorelle” è diventato un caso mediatico specie sui social: bella, non bella, mi piace, non mi piace, ottima occasione per la Basilicata o le critiche perché non dà la realtà della Lucania. Ma stiamo parlando di fiction e non di sociologia, comunque nel pieno rispetto delle opinioni e dei gusti, rispettiamo anche la distinzione tra doxa ovvero opinione e episteme ovvero conoscenza. Quando sul Corriere della Sera, Aldo Grasso scrive : “"Di Sorelle si ricorderà soprattutto la location, la vera protagonista di questa mini-serie prodotta da Endemol Shine Italy per Rai Fiction. Matera è città perfetta per ambientare una storia che vira un po’ sul mistery; le sue case, le strade, i paesaggi sembrano contenere altrettante storie che possono spuntare da un momento all’altro, inaspettatamente” significa che è un successo e fa eco Alessandra Comazzi sulla Stampa sottolineando ""La protagonista numero 1 di Sorelle è la città laddove il caso si dipana".

Continua su Il Mattino di Foggia

Altro in questa categoria: « Soundies Awards 2017, la rassegna stampa