Giovedì, 07 Settembre 2017 08:26

La nuova intesa Lu.Ca al Festival del Cinema di Venezia

Vota questo articolo
(0 Voti)

Presentato alla Mostra del Cinema di Venezia il nuovo accordo di collaborazione tra Calabria Film Commission e Lucana Film Commission
Proiettato “The Millionairs” di Claudio Santamaria alle Giornate degli Autori


“Lu.Ca. è un'occasione per l'intero Mezzogiorno. L'esempio di come il Sud abbia la capacità di raccontarsi, fare sistema e far parlare di sé positivamente” è stato presentato ufficialmente il nuovo progetto Lu.Ca., accordo di collaborazione tra Calabria e Lucania per promuovere la filiera del cinema sui due territori. Un incontro, quest'oggi, rivolto agli operatori di settore e alla stampa, alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia all'Hotel Excelsior, presso l'Italian Pavilion Spazio Taverna dell'Istituto Luce-Cinecittà. A relazionare: Sebi Romeo, Consigliere regionale Calabria; Patrizia Minardi, dirigente ufficio sistemi culturali e turistici per la Regione Lucania; il Presidente della Calabria Film Commission, Giuseppe Citrigno e il Direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace. Un accordo che, mesi fa, ha incontrato il favore della Camera dei Deputati che ha sollecitato il Governo a “supportare tali iniziative valutando l'opportunità di istituire in tempi rapidi un tavolo permanente di confronto in sede ministeriale con le film commission delle regioni del Sud al fine di promuovere l'intera filiera dell'audiovisivo e l'immagine del Mezzogiorno in considerazione delle sue importanti ricadute anche dal punto di vista del richiamo turistico in favore di questi territori”.


“Siamo lieti di essere tornati, a distanza di un anno, a Venezia con un accordo rinnovato tra le due Regioni – afferma Romeo – Da questa intesa siamo ripartiti, un anno fa, con la Calabria Film Commission. Grazie alla sensibilità del Presidente Mario Oliverio abbiamo avviato una strategia istituzionale di rilancio del cineturismo, un settore fondamentale per la crescita del nostro territorio – e aggiunge – Un anno fa abbiamo seminato, sono stati portati a termine progetti di alta qualità. Prodotti cinematografici che hanno ottenuto riconoscimenti nei festival internazionali. Ora, raccogliamo i frutti di una buona pratica e di un processo virtuoso che è partito.”

“Siamo felici di aver rinnovato un'intesa con la vicina Calabria che mira a promuovere due territori dalle enormi potenzialità- commenta Minardi – la Lucania ha ottenuti ottimi risultati nel settore cinematografico. Vogliamo condividere il nostro percorso e creare sistema nel rispetto delle autonomie dei singoli territori. Il Mezzogiorno può insegnare e creare sinergia per poter crescere così insieme”.

Nel 2017 l’innovativo progetto sarà implementato da attività che vanno oltre l’incoming, favorendo la realizzazione di progetti comuni tra operatori dei due territori regionali.
E tra le novità annunciate, il progetto Lu.Ca. sosterrà una produzione internazionale che girerà tra Calabria e Lucania. La nuova serie tv della FX “Trust” diretta da Danny Boyle (regista di Trainspotting e The Millionaire). Ambientata nel 1973, Trust racconta la storia di John Paul Getty III, erede dell'impero petrolifero Getty, rapito dalla 'ndrangheta a Roma pensando che la sua famiglia pagherà profumatamente per il suo rilascio. Ma, come i criminali scopriranno presto, i Getty sono un clan piuttosto incasinato, invischiato in storie di droga, tradimenti e fallimenti. Tra i protagonisti della serie Hilary Swank e Donald Sutherland.

“Lu.Ca in un solo anno ha ottenuto ottimi risultati – dichiara il direttore della Lucania Film Commission, Leporace – siamo reduci dal successo de “A Ciambra” di Carpignano a Cannes ed ora presentiamo l'esordio di Claudio Santamaria dietro la macchina da presa. Un corto sperimentale, coraggioso che dimostra il grande talento di Santamaria. Girato nel Parco nazionale del Pollino siamo certi del successo di questa opera prima. Ma c'è di più: Lu.Ca. riparte con una nuova grande produzione internazionale. Punteremo, in questi tre anni, a far nascere interamente progetti sui nostri territori così da incrementare lo sviluppo del settore audiovisivo in Lucania e Calabria”.

Un incontro, inoltre, per illustrare il primo anno di attività della nuova quadra della Calabria Film Commission e per annunciare i nuovi progetti della Fondazione: “ Siamo partiti proprio dal progetto di The Millionairs un anno fa. Per noi è stato un doppio esordio. Abbiamo rilanciato la Calabria Film Commission con una nuova squadra. E' stato un anno intenso. Abbiamo avviato fin dalle prime battute una campagna d’ascolto sul territorio per migliorare gli aiuti alle imprese cinematografiche – spiega il Presidente della Calabria Film Commission Citrigno - coinvolgendo maestranze e società audiovisive rimaste lontane da questo settore produttivo – e aggiunge - In preparazione un atlante delle location e in perenne implementazione il sito. Primo progetto operativo di Lu.Ca è stato il corto "The Millionairs" esordio alla regia di Claudio Santamaria. Proiettato nella sezione Giornate degli Autori del Festival di Venezia con una proiezione speciale. A partecipare alla conferenza stampa: il produttore Gabriele Mainetti (regista pluripremiato per “Lo chiamavano Jeeg Robot ), l'attrice Sabrina Impacciatore (tra le interpreti del corto) e il regista Claudio Santamaria: “Ho girato il mio primo film nella mia terra d'origine. In uno splendido territorio come il Parco del Pollino che si è prestato magnificamente alle atmsofere noir del mio corto – afferma Santamaria - Della graphic novel di Thomas Ott “The Millionairs”, da cui ho tratto il mio omonimo progetto filmico, mi ha colpito, per prima cosa, la grande forza espressiva delle immagini, che ho trovato assolutamente cinematografiche; il tema, l'umanità incastrata in un circolo vizioso che si ripete all'infinito messo in moto dall'avidità. L’elemento forse più importante è il fatto che fosse senza dialoghi, cosa che mi ha permesso di raccontare la storia utilizzando il cinema nella sua forma più pura, attraverso, cioè, il racconto per immagini”. E poi aggiunge sorridendo: “Grazie alla sensibilità della Calabria Film Commission e della Lucania Film Commission ho esaudito questo mio sogno: girare il mio primo film. E' stato il momento più felice della mia vita artistica. Ora, sono pronto a replicare questa grande esperienza”. Il cortometraggio è stato girato, dunque, lungo il confine calabro lucano all'interno del Parco del Pollino, la più grande area protetta d'Europa che le due regioni alleate vogliono promuovere con cinema e audiovisivo. The Millionairs è stato prodotto dalla Goon Films di Gabriele Mainetti, che torna a collaborare con Claudio Santamaria dopo il grande successo di Lo chiamavano Jeeg Robot. Per rendere possibile questo progetto è stato determinante, inoltre, il sostegno della Calabria Film Commission e della Lucana Film Commission (attraverso l'accordo di collaborazione Lu.Ca.), l’interesse Culturale e il contributo economico del Mibact, oltre che il patrocinio della Regione Basilicata e della Regione Calabria. Tratto dall’omonimo racconto dell’illustratore svizzero Thomas Ott, The Millionairs mette in scena una lunga notte, durante la quale le strade di un bosco di montagna diventano teatro per una serie di efferati omicidi ad opera di diversi personaggi, tutti decisi a impossessarsi di una misteriosa valigetta. The Millionairs sono 14 intensi minuti in cui si intrecciano le vite di 5 personaggi magistralmente interpretati da Sabrina Impacciatore, Peppe Servillo, Massimo De Stantis, Giordano De Plano e Fabio Limongi.