Giovedì, 07 Febbraio 2019 15:10

Cinema: rinnovata convenzione Bcc e Lucana Film Commission

Vota questo articolo
(1 Vota)

La Lucana Film Commission (Lfc) e la Bcc Basilicata hanno rinnovato l'accordo per il sostegno alle produzioni cinematografiche lucane: e' quanto hanno annunciato, nel corso di una conferenza stampa che si e' svolta stamani, a Potenza, il direttore generale della Bcc Basilicata, Giorgio Costantino, e il direttore della Lfc, Paride Leporace. "La convenzione messa a disposizione dalla Bcc per gli strumenti finanziari a sostegno dei beneficiari vincitori di bandi promossi dalla Lucana Film Commission negli ultimi anni ha prodotto i suoi frutti", hanno spiegato Leporace e Costantino: la Lfc fornisce contributi alle promozioni cinematografiche lucane "che meritano di essere sostenute - ha ricordato Leporace - ma il problema riguarda il tempo di erogazione dei fondi, che per le pubbliche amministrazioni non e' rapido, a fronte della necessita' di lavorare ai set. Abbiamo quindi messo in campo un meccanismo che permette alla produzione di ottenere in breve tempo il contributo, grazie alla Bcc, fino all'80% dell'erogazione, e questo percorso si e' rivelato molto utile, e preso a modello da altre Film commission". "La partnership nel settore cinematografico tra Bcc Basilicata e Lucana Film Commission e' ormai considerata a tutti gli effetti una buona pratica, riconosciuta anche a livello nazionale - ha aggiunto Costantino- e noi facciamo solo controlli bancari sulle produzioni, avendo avuto gia' la garanzia artistica' dalla Film Commission. Per questo motivo continuiamo una collaborazione che mira a valorizzare il territorio, le sue risorse artistiche e professionali tramite il cinema si rinnova".
Nel corso dell'incontro, inoltre, Leporace ha annunciato che "Gli ultimi a vederli vivere", opera prima di una giovane regista lucana, Sara Summa (nata a Parigi e vissuta in Germania, ma con un film girato e centrato in Basilicata), sostenuta da Lfc e Bcc, sara' presente nella sezione Forum della prossima mostra del Cinema di Berlino. (ANSA)