Mercoledì, 20 Marzo 2019 10:45

Presentato il film Arbëria. Al cinema dal 26 marzo prossimo.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Arriva nelle sale “Arbëria” il lungometraggio opera prima della regista Francesca Olivieri, che indaga i legami forti e l’eredità culturale delle comunità arbëreshë che ancora sopravvivono in alcuni piccoli borghi di Calabria e Basilicata. La regista oltre nei paesi arbareshe, ha effettuato riprese in esterni ad Aliano, nei calanchi e in alcune zone a ridosso della Basentana. Il film è stato presentato in occasione della conferenza stampa che si è tenuta presso la Camera di Commercio di Cosenza con la regista Francesca Olivieri; l’attrice Caterina Misasi, il direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace; il presidente della Calabria Film Commission, Giuseppe Citrigno; Fabrizio Nucci di Open Fields Productions e Alessandro Gordano di LAGO Film.

Attraverso gli occhi della protagonista Aida, la regista – la cui famiglia ha origini nel piccolo borgo arbëreshë di Santa Caterina Albanese – vuole affrontare il tema della riscoperta delle proprie origini e, soprattutto della ricucitura degli strappi con essa e i suoi stringenti vincoli. Il film non racconta solo le vicissitudini della protagonista, ma si fa carico anche del ricordo di un’intera comunità, quella degli arbëreshë, che ha dato origini al territorio dell’Arbëria – un enclave di Albania in Italia – per sfuggire dalle persecuzioni subite tra il XV ed il XVIII secolo, e la cui cultura oggi rischia di scomparire sotto il peso di una omologante cultura globale.

È un conflitto tra tradizione e modernità quello attraversato dalla protagonista del film all’interno di questa aerea geografica e sentimentale, l’Arbëria, che di fatto non esiste. La donna vive una vera nostalgia dell’appartenenza, un sentimento comune dei tempi moderni che paralizza il presente e sterilizza il futuro di molti, sempre alla costante ricerca di se stessi e della propria identità.

Il film è prodotto dalla Open Fields Productions, in collaborazione con Lucana Film Commission e Calabria Film Commission, con il sostegno di MiBAC e SIAE nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina”, con il supporto di BCC Mediocrati e Echoes.

Arbëria è distribuito dalla LAGO Film, nuova realtà cinematografica calabrese.

FRANCESCA OLIVIERI: Francesca Olivieri si è formata a Bologna, dove si è laureata in Discipline Semiotiche e ha iniziato a lavorare sui set come aiuto regista. Ha continuato la sua formazione professionale in Francia, dove ha affiancato documentaristi e registi televisivi. Si è avvicinata alla scrittura e alla regia frequentando la scuola di Marco Bellocchio.Arbëria è la sua opera prima.

CATERINA MISASI: A interpretare il difficle ruolo di Aida è Caterina Misasi, attrice romana di origini calabresi nota al grande pubblico per le sue partecipazioni sul piccolo schermo in “Un Medico in Famiglia”, “Centovetrine”, “Vivere”. Ha lavorato con registi come il premio Oscar Enzo Monteleone, Paolo Genovese, Riccardo Donna, Tiziana Aristarco, e al fianco  di Alessio Boni, Giulio Scarpati, Nino Frassica, Alessandro Gassman, Enrico Brignano, Terence Hill, Elena Sofia Ricci, Alessandra Mastronardi, Francesco Pannofino.

ALTRI INTERPRETI: Sul set di Arbëria, a Caterina si sono affiancati gli attori lucani Fabio Pappacena e Antonio Andrisani in ruoli di primo piano .

CAST TECNICO: Al montaggio del film ha lavorato Fabio Nunziata, già collaboratore del regista Abel Ferrara. Le musiche sono del compositore Luigi Porto, recentemente impegnato nella realizzazione di colonne sonore insieme al maestro Angelo Badalamenti. Dal database della Lucana Film Commission sono stati coinvolti nella post-produzione Mediterranea cinematografica e Studio Strada Recording. Come maestranze lucane sono stati impiegati il costumista Giuseppe Ricciardi, l’ìarredatore Cristian Auricchio, il coreografo Robert Lani, lo storyboard è firmata da Marica Montemurro, Davide Laguardia ha lavorato nel reparto fotografia.

IL TRAILER

https://vimeo.com/300816521/d38236575a

PRIMA NAZIONALE

La prima nazionale di Arbëria si terrà martedì 26 marzo 2019 alle 20,30 al Cinema Garden di Rende (Cosenza)