Lunedì, 16 Luglio 2018 10:43

BASILICATA TERRA DI CINEMA 2018

Vota questo articolo
(0 Voti)

La Lucana Film Commission torna all’Isola Del Cinema, sull’isola Tiberina, a Roma. Il consueto appuntamento estivo durante il quale vengono presentate le ultime produzioni cinematografiche realizzate in Basilicata si rinnova anche per quest’anno, con due serate speciali.

La prima, martedì 17 luglio, avrà come protagonisti quattro cortometraggi, genere peraltro molto caro alla LFC e al suo Direttore, Paride Leporace. Con inizio alle 20.30, presso lo SCHERMO YOUNG, la serata sarà condotta da Laura Delli Colli, Presidente della SNGCI e da quest’anno anche della Fondazione Roma per il Cinema. La proiezione della serata vedrà sullo schermo i lavori di Gianni Saponara, regista lucano di Salandra (Mt) che presenta il suo 08 GIUGNO ‘76, che racconta la tragica giornata in cui a Genova il magistrato Francesco Coco venne assassinato dalle brigate rosse. Uno dei suoi agenti di scorta era conterraneo del regista, che con questo suo ultimo lavoro ha già conquistato numerosi premi. Sarà poi la volta di NON GIOCO PIU’, di Sebastiano Luca Insinga che ha voluto invece immortalare la nascita di un giovanissimo amore estivo (naturalmente su una spiaggia lucana) all’ombra della finalissima Italia – Brasile durante i Mondiali del 1994. Un sapore decisamente thriller ha invece l’opera prima di Claudio Santamaria, THE MILLIONAIRS, girato fra le montagne del Parco Nazionale del Pollino (quindi fra Basilicata e Calabria) e che si colora delle tinte del giallo, fra misteriosi omicidi che ruotano intorno ad una inquietante valigia chiusa. Ultimo cortometraggio in programma, KOLOSSAL, che con l’ironia sagace del suo regista, il materano Antonio Andrisani, fa simpaticamente il verso alla comunità locale della sua città, allorquando un regista decide di provinare alcune persone del posto per il suo nuovo film pseudo spaziale.

La seconda serata, prevista invece per lunedì 23 luglio, nell’ARENA dell’Isola del Cinema, sarà all’insegna del poeta Antonio Infantino, figura incredibile, recentemente scomparsa. Un lucano, ma anche, un uomo del mondo, che ha vissuto come uno spirito libero e come un cantore della sua terra, a ragione definito "il re della taranta", cantautore, scrittore, che ha vantato collaborazioni con i maggiori artisti di fama mondiale. La serata inizierà alle 20.30 con una vera festa in musica, un concerto in cui tanti artisti renderanno onore a Infantino: da Petra Magoni che si esibirà in una elegia in onore di Antonio Infantino assieme al quintetto di Luigi Cinque - qui nella doppia veste di musicista e regista del film che seguirà al concerto - Francesco Salis, Valerio Corzano, I Tarantolati di Antonio Infantino (che appunto ne fu lo storico fondatore), Andrea Satta ed Angelo Pellini dei Tetes de Bois, Canio Loguercio con Rocco de Rosa e Alessandro D’Alessandro.

Al termine del concerto, la proiezione del film THE FABULOUS TRICKERS, in viaggio con Antonio Infantino. prodotto con il sostegno della Lucana Film Commission, e della Regione Lazio e distribuito da Istituto Luce. Un “ briccone divino” (questa la traduzione del titolo) che riprende la denominazione di uno studio antropologico di Rodin-Kerèn e Jung, e che vuol identificare un outsider capace con le sue azioni di guidare un popolo; e così lo ha voluto raccontare Luigi Cinque, che nel film come nella vita segue il doppio binario di regista e musicista, segue il poeta musicista attraverso la sua terra d’origine in un itinerario fatto di storie, personaggi, tradizioni, e scoperte. Il ritratto che di Infantino viene fuori è quello di un artista assolutamente poliedrico- architetto, cantore, folk singer, autore, poeta- e parimenti fuori dagli schemi. Un eremita intellettuale, persino sciatto nel suo mostrarsi agli altri, perennemente coperto da una sciarpa bianca che portava sulla testa in ogni situazione e condizione atmosferica. Eppure detentore del massimo riconoscimento europeo in ambito culturale da parte dell’Accademia Reale Belga di Letteratura, Scienze e Belle Arti. Una figura singolare, eppure unica, che il pubblico del 23 luglio potrà scoprire, o riscoprire in un film che sarà anche un viaggio all’interno di se stessi.

 

Ultima modifica il Lunedì, 16 Luglio 2018 14:05